GlobaLeaks, la prima piattaforma open-source per il whistleblowing. 

 

Multi-contestuale

Per ogni argomento di segnalazione permette tramite una semplice configurazione la composizione di questionari specifici e completi di validatori dell’input utente.
 

Standard ed Accessibile

Alla  base del design la selezione di tecnologie standard e un’implementazione accessibile secondo WAI-ARIA.

 

Internazionalizzazione

Tradotto interamente in 20 lingue grazie al contributo in oltre 52 Paesi da una comunità di 250 traduttori volontari.

 

Open Source

Ispirato ai modelli di free-software e di opensource per sua natura la  progettazione è orientata all’estendibilità ed al riuso; il progetto vanta collaborazioni internazionali professionali e volontarie di una larga community di esperti di ingegneria, della sicurezza informatica, di linguaggi e comunicazione e dell’esperienza utente (UI/UX). Diverse le tesi avviate con Università straniere e molte le possibilità aperte anche per studenti italiani.

 

Sicura

Il software nasce specificatamente con riferimento a scenari d’uso ad alto rischio, per tale ragione vengono implementati i principali protocolli di sicurezza allo stato dell’arte con preferenza per i protocolli di pubblico dominio con beneficio di peer-review pubblica: tra questi l’adozione del protocollo Tor, che offre anonimato tecnologico e PGP che offre crittografia forte delle segnalazioni e dei loro allegati. Il software vanta di essere analizzato periodicamente su base semestrale da analisti di sicurezza di fama internazionale – al momento si contano 4 penetration tests – tale processo di ri-verifica è trasparente e pubblicato in tutte le sue fasi incluse le eventuali correzioni previste a breve e lungo termine.

Anonymous, censorship-resistant, distributed WhistleBlowing Platform. Industry grade.